Blog

Progettiamo, realizziamo e gestiamo Soluzioni e Servizi in ambito ICT a supporto della Digital Transformation 

Comunicazione in tempo reale con clienti: come farla anche a distanza

Comunicazione in tempo reale con clienti: come farla anche a distanza

La comunicazione in tempo reale con i clienti è uno dei pilastri di qualsiasi attività commerciale e imprenditoriale, il cui successo si fonda proprio sulla capacità di rispondere – in modo rapido ed efficace – a esigenze, bisogni e anche problemi dei propri partner commerciali. Soprattutto nel B2B, il rapporto costante tra le imprese è a dir poco fondamentale: la fidelizzazione, i legami stretti e duraturi non si costruiscono “vendendo” un prodotto o un servizio, ma riuscendo a creare un clima di mutua fiducia che si costruisce prima e dopo la vendita, seguendo i clienti lungo il percorso di adozione.

D’altronde, è un fenomeno del tutto naturale: oggi i buyer sono molto preparati, hanno tutte le informazioni a portata di click, conoscono il mercato, i prodotti e non hanno nessuna difficoltà nell’introdurre nuovi fornitori; il vero successo non è solo il prezzo, ma la capacità di ‘seguire’ il cliente da vicino, progressivamente e in modo continuo, facendo sentire la propria presenza nei momenti di difficoltà.


Comunicazione in tempo reale con i clienti e i ‘limiti’ dello smart working

Lo smart working può creare qualche difficoltà alla comunicazione in tempo reale con i clienti. Non dimentichiamo che tradizionalmente la chiusura dei contratti ha sempre richiesto diversi incontri, visite in sede, negli stabilimenti, momenti di trattativa commerciale, definizione dei contratti, delle clausole e molto altro, fattori cui oggi, in piena era di distanziamento sociale, è più difficile dare una risposta efficace. Nei rapporti commerciali, togliere dall’equazione il fattore presenza è abbastanza pericoloso perché viene meno la possibilità di coinvolgere il cliente, di creare complicità, di far sentire il proprio supporto all’interno di un percorso di cambiamento.

Se è vero che la comunicazione in tempo reale con i clienti non è a rischio, occorre comprendere quali strumenti adottare per far sì che la sua efficacia sia quanto meno analoga a quella dell’incontro in presenza. L’immediatezza della classica telefonata è insostituibile, ma conosciamo bene anche i suoi limiti: non offre il medesimo coinvolgimento di un incontro di persona e rende difficoltosa la collaborazione (per esempio, nella definizione di un contratto), perché manca l’impatto visivo.


Le soluzioni smart alla collaborazione con i clienti

Lo smart working, però, offre svariate altre possibilità di comunicazione in tempo reale con i clienti, riassumendole nell’espressione Unified Communications & Collaboration: in particolare, le piattaforme collaborative garantiscono un livello di engagement simile (ma non identico) a quello dell’incontro in presenza e compensano la piccola distanza che ancora esiste con una serie di funzionalità smart tese a rendere il rapporto commerciale fluido, semplice e collaborativo.

Come detto, l’impatto emotivo è ancora a favore dell’incontro in presenza, ma la possibilità di comunicare in video e di essere perennemente raggiungibili con un semplice messaggio di testo rende la comunicazione – sia pur a distanza – molto fluida e produttiva. Non è un caso che, nei primi mesi della pandemia, le riunioni con gli strumenti di Team Collaboration siano quintuplicate: buona parte rientravano nella comunicazione interna, cioè con i propri colleghi e i gruppi di lavoro, ma anche i rapporti con i clienti sono diventati più rapidi ed efficaci grazie a riunioni veloci, che iniziano sempre in orario, restano all’interno dei tempi prefissati e non richiedono tempi e costi di trasferta.

Infine, ma non meno importante, c’è l’aspetto collaborativo. Le piattaforme di collaboration non si limitano a mettere in comunicazione due o più soggetti, ma dispongono di funzionalità pensate ad hoc per favorire la collaborazione real-time. Si è fatto precedentemente l’esempio del contratto, che di solito veniva discusso in presenza, redatto manualmente e condiviso via e-mail: una piattaforma di collaborazione permette a tutti i soggetti che prendono parte alla stesura di sedersi attorno a un tavolo (virtuale) e agire direttamente sul documento, nella certezza che il risultato finale sia effettivamente condiviso da tutti e non vi possano essere incomprensioni di alcun genere.

Tutto questo, ovviamente, evitando sistemi molto più inefficienti come l’e-mail, che pur essendo uno strumento molto usato ha anche limiti importanti: allegare file alle e-mail significa perdere il conto delle revisioni, lavorare su versioni non definitive, condividere flussi di lavoro con persone non autorizzate e molto altro. Le piattaforme di collaboration, dal canto loro, gestiscono la comunicazione e i workflow documentali al loro interno, senza mai abbandonare il perimetro della piattaforma stessa: non ci sono versioni di un contratto in conflitto tra loro e, in caso di condivisione all’esterno della piattaforma, è semplice risalire all’accaduto e apportare i giusti interventi correttivi.


ComApp - White paper - Unified Communication- La guida per riprogettare il lavoro e renderlo agile

Articoli correlati

Perché utilizzare la comunicazione unificata in cloud

Perché utilizzare la comunicazione unificata in cloud

Da: ComApp il 21 luglio 2020 in Unified Communication

Per comprendere gli effettivi benefici della comunicazione unificata in cloud, partiamo da un presupposto: oggi le soluzioni UCC non sono...
Leggi di più
Comunicazione unificata aziendale più efficiente con ComApp

Comunicazione unificata aziendale più efficiente con ComApp

Da: ComApp il 25 agosto 2020 in Unified Communication

Non c’è dubbio che adottare una piattaforma di comunicazione unificata aziendale renda più agili, veloci ed efficienti le imprese. In particolare,...
Leggi di più