Blog

Progettiamo, realizziamo e gestiamo Soluzioni e Servizi in ambito ICT a supporto della Digital Transformation 

Guida alla virtualizzazione del desktop: come svilupparla senza errori

Guida alla virtualizzazione del desktop: come svilupparla senza errori

La virtualizzazione desktop aiuta l’impresa a gestire ambienti di lavoro sempre più eterogenei con soluzioni end-to-end che sono facili da installare e scalabili. I desktop virtuali sono una delle principali richieste IT e negli ultimi anni la loro diffusione è notevolmente aumentata. Anche le imprese che temevano che la virtualizzazione desktop potesse essere complessa da implementare hanno dovuto ricredersi: le moderne opzioni sono flessibili, hanno costi modesti e permettono alle aziende di controllare e gestire un ambiente di lavoro sempre più eterogeneo per la diffusione, fra le altre cose, del BYOD (Bring Your Own Device). La virtualizzazione desktop remota, per esempio, è un asset fondamentale per accelerare modalità di lavoro agile: gli utenti finali possono sfruttare dispositivi client a basso costo perché l’elaborazione avviene in un datacenter evoluto e potente al quale devono connettersi. L’esperienza non viene limitata; anzi, i dipendenti possono lavorare con qualunque dispositivo senza perdita di efficienza e produttività.


Prepararsi alla virtualizzazione del desktop

Le aziende ricercano la virtualizzazione del desktop perché questa soluzione permette loro di superare la gestione dei PC attualmente in dotazione e garantisce un digital workspace più coeso. Le imprese devono comprendere che un’implementazione di successo deve partire dalle persone, dai processi e dalla tecnologia. Il primo passo, quindi, è focalizzare la necessità, qual è l’obiettivo da raggiungere: c’è bisogno di potenziare la sicurezza dell’ambiente di lavoro? Serve automatizzare certe funzioni? Qual è il time to value atteso e quali saranno i casi d’uso? È essenziale che l’impresa risponda a queste domande basilari prima di procedere con l’implementazione.

Adattare l'infrastruttura alla virtualizzazione desktop

Uno dei modi migliori per preparare l’infrastruttura back-end preesistente alla virtualizzazione desktop è quello di adottare storage array di tipo SSD (Solid State Drive), più veloci e performanti, e di aggiornare i processori in modo da integrare delle CPU che possano sopportare elevati picchi di carico.


L'errore della virtualizzazione del desktop

Un comune errore durante l’implementazione di una soluzione di virtualizzazione desktop è quella di concentrarsi più sulle potenzialità della tecnologia che sull’usabilità e l’esperienza utente. Qualunque strumento, anche il più potente e versatile, deve sempre avere come obiettivo il miglioramento del lavoro delle persone, che si tratti del tempo necessario per effettuare il login o il numero di click per attivare una determinata funzione. Le operazioni del reparto IT sono asservite alle necessità quotidiane degli utenti aziendali migliorando altresì la loro produttività fornendo sistemi più efficienti e comodi da usare. Un ottimo modo per raggiungere questo obiettivo è quello di avere un riscontro da parte delle persone che, all’interno dell’azienda, hanno le competenze tecnologiche più basse: il loro feedback sarà importante per comprendere l’effettiva usabilità della soluzione di virtualizzazione desktop che l’azienda sta implementando e su come lo sta facendo. Non bisogna sottovalutare le aspettative del personale.

Come scegliere i servizi di virtualizzazione del desktop

Ogni servizio di virtualizzazione del desktop ha delle funzioni in comune con gli altri; ma ciò non deve trarre in inganno: non sono tutti uguali. Una delle grandi differenze risiede nel lavoro del system integrator.

Il cliente deve condizionare la scelta dei servizi di virtualizzazione del desktop, innanzitutto, a seconda di quale sia il suo obiettivo aziendale e quanti utenti saranno coinvolti dal cambiamento tecnologico. Ulteriori criteri da considerare riguardano lo sviluppo del software. Per esempio: il produttore del servizio di virtualizzazione ha investito attivamente negli ultimi anni per far crescere il suo software? Ha sviluppato funzioni verticali che sposano le esigenze specifiche del settore nel quale opera l’azienda?

Non bisogna tralasciare, inoltre, le caratteristiche specifiche dell’offerta del system integrator: propone un’assistenza H24/365 per ogni richiesta, tecnica o commerciale, del cliente? Offre un supporto multilingua per adeguarsi alle eventuali filiali estere del cliente che possano avere bisogno di supporto tecnologico? La scelta del miglior servizio di virtualizzazione desktop comincia dalle risposte a queste domande e dalla comprensione dell’offerta a 360 gradi.

 

Gli errori più comuni da evitare

Ci sono un’altra serie di errori che possono gravare sulla virtualizzazione desktop. Uno dei più comuni, per esempio, è credere che la virtualizzazione desktop sia più semplice della virtualizzazione dei server: la realtà pratica è molto diversa.

Infatti, se i server virtualizzati possono essere centinaia, le postazioni desktop possono invece essere migliaia: il che significa che il picco del workload potrebbe essere molto più intenso: quindi, sia la rete sia lo storage devono riuscire a sostenere tale carico di lavoro. Bisogna inoltre considerare che gruppi di lavoro diversi hanno esigenze differenti. Scegliere un approccio univoco nell’implementazione della virtualizzazione desktop sarebbe un grave errore, in quanto occorre adottare soluzioni su misura. Ciò può servire anche a rivedere gli accordi per le licenze nel caso in cui le applicazioni non siano utilizzate da tutto il personale.

Le aziende meno esperte tendono, inoltre, a fornire alle macchine virtuali più RAM del necessario lasciando inutilizzata la quantità in eccesso. Anche la scelta della tecnologia di storage è fondamentale. Un errore comune è quello di optare per una soluzione mista: un SSD per il sistema operativo host e vari HDD per il sistema operativo ospite, per esempio. Se sulla carta questa può sembrare una valida scelta, la realtà è che i vantaggi del disco SSD non saranno realmente espressi: i limiti dell’HDD influenzeranno le potenzialità del SSD. Meglio, quindi, adottare completamente dischi HDD (quindi ottimizzare i costi) se l’azienda non può inserire nel budget un intero slot di SSD.

Inoltre, le imprese devono comprendere che la virtualizzazione desktop è sì estremamente utile, ma non serve virtualizzare ogni cosa. Esistono task e operazioni che è meglio eseguire su una soluzione tradizionale perché necessita delle risorse di un hardware “vero”. In caso contrario, virtualizzare più del necessario potrebbe comportare dei rallentamenti operativi.


La virtualizzazione desktop è un pezzo del mosaico del digital workplace

Implementare a dovere la virtualizzazione del desktop nell’infrastruttura IT dell’impresa è quindi molto importante e assicura parecchi benefici. Però, non bisogna pensare che i desktop virtuali siano la soluzione a tutto: sono un pezzo del mosaico che compone il digital workplace e devono fare parte di un piano di evoluzione dell’infrastruttura IT ben strutturato. Il partner scelto dall’azienda per farsi affiancare in questo percorso deve saperlo ed è per questo che il miglior consulente è quello riesce ad avere una visione a 360 gradi delle esigenze tecniche e commerciali di un’impresa e fornire tutte le indicazioni necessarie. La virtualizzazione desktop, inoltre, deve allinearsi agli obiettivi IT dell’azienda: assecondare le effettive esigenze permette di abbracciare la soluzione giusta e contenere i costi dell’implementazione.


Present - White Paper - Digital Workspace: la guida ai servizi gestiti che abilitano lo smart working

Articoli correlati

Ecco Awingu, la soluzione per virtualizzare il parco desktop

Ecco Awingu, la soluzione per virtualizzare il parco desktop

Da: Present il 10 luglio 2020 in Digital Workplace , News ed eventi

Virtualizzare il parco desktop è sicuramente la soluzione ideale per avere le applicazioni che si utilizzano nella propria organizzazione...
Leggi di più
Virtualizzazione workspace: amica dello staff, nemica dei costi

Virtualizzazione workspace: amica dello staff, nemica dei costi

Da: Present il 14 luglio 2020 in Digital Workspace

La virtualizzazione del workspace migliora l’efficienza del reparto IT, permette di risparmiare sui costi operativi e potenzia l’esperienza dello...
Leggi di più